I migliori software per tutte le esigenze


Per scrivere - Evernote

Semplicemente il miglior programma per prendere appunti. Gratis, disponibile sia per desktop che per dispositivi mobili, sincronizza automaticamente le note su tutti i dispositivi. È anche possibile accedere alle proprie note dal browser, senza il bisogno di installare l'applicazione. Questo è particolarmente comodo quando dobbiamo usare un computer che non è il nostro.

Due cose fanno di Evernote il miglior software per prendere nota: l'immediatezza d'uso e la possibilità di organizzare le note in quaderni (comodissimo per gli studenti) o per tag.

Per maggiori dettagli vi rimando al sito ufficiale.

Evernote su più dispositivi

Per salvare - Dropbox

cartella Dropbox

















Dropbox è la soluzione numero uno per il cloud. Lasciate stare le alternative di Google, Microsoft, Apple: non c'è niente che sia avvicini alla semplicità e all'efficacia di Dropbox. L'idea dietro a Dropbox è semplice: una cartella che si sincronizza. Il segreto? Funziona. Sempre.

Dropbox è gratis e creando un account riceverai 2 GB di spazio gratis (se usi il mio link ne riceverai 2,5), quindi incoraggio chiunque non abbia già un account su Dropbox di aprirne uno oggi.


Anti distrazioni - Spegnere il Wi-Fi

spegnere il Wi-Fi





Questo non è un programma, ma è uno dei modi migliori di eliminare le distrazioni quando si ha da lavorare su un progetto.


Videoconferenze - Ritrovi di Google+

Ritrovi di Google+
















Probabilmente un paio di anni fa avrei detto Skype, ma da quando Google ha rilasciato Ritrovi come parte di Google+, Skype è solo un ricordo. Google+ è completamente gratuito, permette di videochiamare fino a 8 persone allo stesso tempo (quindi in tutto 9). Su Skype potete usare le videochiamate di gruppo solo pagando, e non poco: 3,50€ al mese con abbonamento oppure 7€ al mese senza abbonamento.

Una cosa che amo dei Ritrovi sono le applicazioni che integra. Durante un videoritrovo si possono guardare presentazioni, video su youtube e molto altro. Semplicemente non c'è concorrenza. Se vuoi saperne di più leggi il mio articolo sulla migliore alternativa Skype.



Collaborazione - Asana

Asana per Mac















Asana è facile da usare, veloce e potente. Se state lavorando ad un progetto insieme ad altre persone, Asana è quello di cui avete bisogno. Ed è gratis per squadre fino a 30 persone.

Se siete interessati lo trovate qui.


Informazioni - Google Notizie


















Immaginate un giornale che pubblica solo notizie sugli argomenti che vi interessano. Non vedo perché nel 21esimo secolo qualcuno debba pagare per il monitoraggio stampa, quando c'è Google che lo fa gratis e meglio di qualunque altra azienda.




Presentazioni - Prezi

Presentazione in Prezi















Se stavate pensando a PowerPoint, dimenticatelo. Prezi è gratis, infinitamente più intuitivo e facile da usare, molto, ma molto più coinvolgente e le presentazioni possono essere riprodotte su qualunque computer o dispositivo mobile, senza bisogno di nessun programma o di internet. Ho già detto che è gratis? Sì? È gratis. 

Se volete saperne di più vi rimando al mio articolo dove spiego come funziona Prezi.



Blog - Wordpress

logo di Wordpress














Wordpress è il migliore e, giustamente, il più popolare sistema di gestione contenuti (CMS). Se volete creare un blog per la vostra azienda o personale, consiglio di usare Wordpress. Ovviamente, è gratis.

Lo potete scaricare da qui.




Browser - Google Chrome

Youtube su Google Chrome
















Due cose sono importanti in un browser: che sia veloce e che l'interfaccia sia semplice, in modo da focalizzare l'attenzione sul contenuto e non sulle barre degli strumenti (capito Firefox?). Chrome fa di queste due caratteristiche la sua filosofia. Come non usarlo?





Foglio di calcolo - Microsoft Excel

logo di Microsoft Excel





















In questo campo veramente non c'è concorrenza. L'unico altro foglio di calcolo che si avvicina a Excel è quello di Google, che ha il vantaggio di essere gratis e online (quindi facilmente sincronizzabile e condivisibile). Ma quando si parla di funzionalità e potenza, Excel vince alla grande.


Come scegliere la scheda di memoria giusta per te

Perché vi parlo di schede di memoria

Un paio di mesi fa un amico mi ha chiesto se potevo portare la mia reflex al suo compleanno perché aveva l'impressione che la sua compatta non avrebbe filmato abbastanza bene. Io ho accettato e quando è arrivato il momento di fare dei piccoli test per vedere come vengono fuori i filmati mi sono imbattuto in un problema: la reflex interrompeva i filmati dopo circa 30 secondi. Avevo notato questa cosa da quando l'ho comprata e mi è sembrato un fatto piuttosto curioso, ma ho sempre pensato che fosse un problema di impostazioni e l'ho lasciata là (fino ad allora non avevo avuto bisogno di riprendere filmati).

schede di memoria SanDisk


Cercando su internet ho scoperto che era un problema di scheda di memoria: quella che avevo io era una SanDisk classe 4 da 32 GB comprata su Amazon. A quanto pare per riprendere video in alta qualità con una reflex ci voleva una classe 6. Ma cosa vuol dire tutto questo e perché dovresti saperlo? Perché così eviterai di fare "falsi affari", comprando una scheda di memorie che per miracolo (!) costa la metà delle altre della stessa capacità, per poi scoprire che non è quella giusta e che sono soldi buttati. Oppure per evitare di comprare una scheda che offre più di quello che ti serve, quando puoi comprarne una molto più economica e che fa quello che ti serve.

Nota: in questo articolo parlerò delle schede SDHC, che oggigiorno sono le più comuni e hanno soppiantato le vecchie SD. Non parlerò invece delle SDXC, che è la nuova generazione di schede ad alta capacità (e molto costose), che servono perlopiù ai professionisti. Partiamo dalla cosa più immediata.


La capacità

scheda di memoria SDHC Lexar da 4 GB

Le schede di memoria SDHC hanno capacità che variano dai 2 GB ai 64 GB. Il mio consiglio è di usare schede da 2-4 GB se hai una compatta o anche una reflex e scatti in Jpeg (come succede nella maggior parte dei casi). Se invece scatti in formato Raw (come fanno i professionisti che poi hanno bisogno di modificare le foto usando programmi di editing avanzato) le foto peseranno più di qualche MB e quindi ti consiglio di usare una scheda con capacità di 4-8 GB. Se scatti in Jpeg ma usi la macchinetta anche per il video allora dovrai usare una scheda di memoria ancora più grande, fra gli 8 e i 16 GB. Se invece usi la macchinetta per filmare ma preferisci scattare in Raw perché vuoi ritoccare le tue foto senza perdere in qualità, allora dovrai usare una scheda da 16 o da 32 GB. E, se usi la macchinetta solo per fare video, allora la soluzione ideale sarebbe una scheda di memoria da 64 BG.


Ricapitoliamo per maggiore chiarezza:

Foto in Jpeg: 2-4 GB;
Foto in Raw: 4-8 GB;
Foto in Jpeg + Video: 8-16 GB;
Foto in Raw + Video: 16-32 GB;
Solo Video: 64 GB.


La velocità

Paragone velocità schede di memorie SDHC Samsung

Benché importante, la capacità non è l'unica cosa che conta quando devi valutare quale scheda di memoria comprare, perché un altro elemento entra in gioco: la velocità. Se nell'ambito della capacità le cose erano semplici, perché basta vedere la capacità della scheda in GB, quando si tratta di capirne la velocità le cose si complicano un pochino. Alcuni produttori infatti preferiscono usare una descrizione del tipo "100X", dove X sta per 150 kB/s, che significa che la scheda è capace di scrivere a 16 Mb/s, ossia 2 KB/s (ricordiamo che 1MB=8Mb).

Per nostra fortuna, l'Associazione delle schede SD (pagina in inglese) ha stabilito uno standard che dovrebbe semplificare la faccenda. Dico dovrebbe perché non tutti i produttori lo hanno adottato e questo vuol dire che in questo momento c'è ancora più confusione riguardo a questo argomento. In ogni caso, il nuovo standard divide le schede di memoria in classi, a seconda della velocità, nel modo che segue:

Classe 2: 2MB/s;
Classe 4: 4 MB/s;
Classe 6: 6 MB/s;
Classe 10: indovinate? Esatto, 10 MB/s.

Adesso sono sicuro che vi starete chiedendo "Ma non potevano adottare questo sistema dall'inizio?". La risposta è no, perché:

1)100X fa molta più impressione di Classe 2
2) È nell'interesse di chi le vende che il cliente sia confuso e compri la cosa sbagliata per poi dover effettuare un altro acquisto


Ma vediamo come le varie classi corrispondono alle esigenze di noi consumatori. Una scheda di classe 2 è buona per chi ha una macchinetta fotografica compatta e che quindi non ha particolari esigenze in termini di filmati ad altissima qualità o poter scattare più foto al secondo, come invece succede con una reflex.

La classe 4 è per chi ha una compatta di ultimissima generazione come per esempio la Canon EOS M o la Nikon 1 J2; oppure per i possessori di reflex che usano la macchinetta esclusivamente per la fotografia.

Canon EOS M
Canon EOS M
Nikon 1 J2 bianca
Nikon 1 J2
La classe 6 è per chi ha una videocamera oppure una reflex e vuole usarla per fare video, oppure ancora per chi ha bisogno di scattare molte foto in sequenza (per esempio per gli eventi sportivi) e vuole aspettare il meno possibile fra le raffiche di scatti.

La classe 10 è per i professionisti che vogliono trasferimenti velocissimi e sono disposti a pagare di più.

Il marchio

Come con tutte le unità di memoria, è importante scegliere un buon produttore per evitare di comprare un prodotto che dopo 3 mesi (o un anno) non funziona più. Comprando I seguenti marchi (in ordine di qualità) andrete sul sicuro:

-Lexar
-Kingston
-SanDisk
-Transcend
-Panasonic
-Sony
-Samsung

I marchi che ho elencato sopra sono unanimemente considerati eccellenti perché i produttori spendono ingenti somme di denaro nel controllo qualità per assicurarsi che i loro prodotti durino tanto e non si corrompano. Non fatevi ingannare da marchi di cui non avete mai sentito parlare, anche se costano la metà.



OSX Mountain Lion lento? Prova questo

Sono passati quasi tre mesi da quando Apple ha rilasciato l'ultimo aggiornamento del suo famoso sistema operativo, OSX Mountain Lion. Il tanto atteso aggiornamento avrebbe dovuto "tappare" alcune buche che il vecchio Lion aveva lasciato aperte e nella maggior parte dei casi, l'ha fatto: Safari è più veloce e crasha meno e il tempo di avvio del sistema dovrebbe essersi accorciato. Dico dovrebbe perché non a tutti è successo così: alcuni utenti lamentano un rallentamento generale del sistema e un problema comune è l'avvio lento della scrivania. In questo articolo elencherò alcuni metodi per velocizzare il vostro Mac.

OSX Mountain Lion

La prima cosa da fare


A quanto pare molti utenti, soprattutto possessori di Macbook Pro, hanno notato un rallentamento generale del sistema con Mountain Lion. Questo problema è certamente reale e le soluzioni sono più di una. Prima di tutto dovete assicurarvi che il vostro disco di avvio sia in ordine, ossia che tutti i permessi siano al loro posto. Per fare questo basterà avviare l'Utility Disco (cercate "Utility Disco in Spotlight), selezionare il Disco di avvio, che normalmente si chiama Macintosh HD, cliccare su Verifica Permessi e successivamente su Ripara Permessi Disco. Durante la procedura vi consiglio di non utilizzare nessuna applicazione, per non interferire con l'operazione di riparazione del disco.

Una volta completata l'operazione, riavviate e, se la lista di permessi riparati era piuttosto lunga, allora noterete subito dei miglioramenti; in caso contrario, restano solo due alternative per velocizzare il vostro computer.

A dire il vero ci sarebbe un'altra soluzione: risettare PRam e NVRam. Non spiegherò come fare in quest'articolo perché l'ho già spiegato nel post su come velocizzare OSX Lion, quindi se volete provare questa poco conosciuta soluzione, andatevi a leggere l'articolo.

Installare OSX Mountain Lion da zero


Questa è allo stesso tempo la soluzione più dolorosa e quella che funziona meglio. Assicuratevi di aver effettuato tutti i backup necessari tramite Time Machine o altri metodi, perché tutti i vostri file verranno cancellati. Per installare Mountain Lion da zero dovrete creare un disco bootabile, che potrebbe benissimo essere una chiavetta USB, scaricare Mountain Lion dal Mac App Store e creare il vostro disco bootabile. Se come me avete il disco rigido pieno di foto, musica e video, non vi consiglio di formattare il vostro Mac, perché il 99% dei problemi è risolvibile in altri modi.


Usare programmi esterni


Ci sono due programmi che consiglio di usare CCleaner a MacKeeper.

CCleaner

logo CCleaner
















CCleaner vi permette di fare due cose: riparare ancora una volta il disco rigido (vi consiglio di farlo una seconda volta, perché alcuni problemi resistono alla prima pulizia) e cancellare tutti i file temporanei o inutili che non fanno altro che rallentare il vostro Mac.

MacKeeper

logo MacKeeper













MacKeeper è forse il più discusso software per Mac: sui forum c'è chi dice che non serve a niente, che è un virus e che uccide le persone, ma se leggiamo le opinioni dei blog autorevoli come The Next Web o Cult of Mac o qualunque altro sito di tecnologia che si rispetti, noteremo che in verità questo è il miglior software tuttofare per Mac. Tiene pulito il registro, cancella i file inutili, cancella i virus (sì, ce ne sono anche per Mac), velocizza il sistema tramite tutta una serie di ottimizzazioni.

Aggiornamento: se sei appassionato di gadget ti consiglio di dare un'occhiata a petagadget, il mio nuovo, bellissimo portale dove troverai centinaia di gadget imperdibili.