Pinterest: cosa c'è da imparare da The Fancy

Pinterest: pagina principaleDa una parte c'è Pinterest. Ormai famosissimo, Pinterest è un social network fatto di foto. Belle foto. Finora questo strumento si è rivelato utilissimo ai blogger perché porta un significativo aumento di visitatori. Le tre grandi categorie che prevalgono su Pinterest sono design, abbigliamento e tecnologia.
Il funzionamento è semplice: gli utenti navigano sul web e quando si imbattono in una foto interessante, la condividono. Il risultato è fantastico: un portale che raccoglie milioni di foto di oggetti bellissimi. Il problema inizia quando trovate qualcosa che vi piace veramente e vorreste comprarlo - qui le cose si complicano e non di poco. Infatti, nel 90% dei casi nella descrizione della foto non è presente il marchio o il modello. Il più delle volte cliccando sulla foto si viene rimandati ad un blog di foto, che ovviamente non riporta alcuna descrizione delle foto che presenta.

The Fancy: pagina principale
Dall'altra c'è The Fancy. The Fancy è nato dopo ed è simile a Pinterest, solo che invece di complicarci la vita quando si tratta di voler comprare una cosa che si scopre, ce la semplifica. Già, perché su The Fancy accanto ad ogni foto ci sono:

1. Il prezzo. Così non avrete il tempo di illudervi di poter comprare un oggetto per poi scoprire che costa 25.000 euro (e credetemi che su questi siti questa cosa vi capiterà piuttosto spesso)

2. Un pulsante per comprare l'oggetto. Senza rimandarci ad un sito esterno, The Fancy ci permette di comprare l'oggetto con un clic. +1 per questo!

Poi però c'è la parte brutta di The Fancy: non ha abbastanza utenti. Se per scorrere la home di Pinterest normalmente ci metto un'ora, su The Fancy in 5 minuti ho già finito di vedere tutte le novità. Non solo: dopo un po' gli oggetti cominciano a ripetersi tanto che (almeno nel mio caso) il 20% delle nuove foto sono foto vecchie.

Ora, è molto più facile che Pinterest risolva il problema del "compra adesso" di quanto lo sia per The Fancy di aumentare di dieci volte il numero di utenti. Io farei così: sviluppa, oltre al pulsante "Pin it", un altro pulsante, che consenta ai negozi online di condividere automaticamente i loro cataloghi su Pinterest. In questo modo aumenteranno sempre di più le foto con descrizioni rilevanti e link per acquistare gli oggetti.