Dispositivo o contenuti - per cosa sei disposto o pagare di più? Amazon e Apple la pensano diversamente


Con il Kindle Fire HD, in vendita a 199€, Amazon sta sperimentando un nuovo tipo di marketing: vendere il prodotto al prezzo minimo, senza guadagnarci niente. Per noi consumatori questa potrebbe sembrare una buona notizia, perché si spende meno. Ma perché questa strategia? Perché perdere tutti gli introiti provenienti dalle vendite dei dispositivi e puntare tutto sulla vendita di contenuti, che non offrono nessuna garanzia in termini di introiti? E soprattutto, qual è il prezzo che paghiamo per avere un dispositivo al costo di produzione? A queste domande cercherò di rispondere in questo articolo e confronterò questa strategia di marketing con quella, completamente diversa, di un'altra azienda del settore.


amazon kindle fire hd


Per rispondere a questa domanda bisogna capire la categoria di persone che compra un Kindle: si tratta di persone che leggono e più precisamente quelle persone che leggono molto e viaggiano, per cui portarsi dietro un lettore di ebook è molto più comodo dei libri cartacei. Il Kindle, nato come e-reader, è attualmente l'unico mezzo tramite il quale Amazon vende ebook. E il trucco sta qui: salta fuori che chi acquista un Kindle legge molti più libri rispetto a prima. Quanto esattamente? Circa  quattro volte di più, tra libri elettronici e cartacei.

A quanto pare, tra ebook, libri tradizionali e altri contenuti multimediali, un nuovo utente Kindle arriva a spendere molto di più di quello che sarebbe stato il margine di profitto di Amazon sul Kindle. Capito questo, la conclusione era ovvia: bisognava fare in modo che più persone possibili comprassero il Kindle, anche a costo di non guadagnarci niente. 

Questa sembra la strategia ideale, dove tutti guadagnano: Amazon perché vende più libri e noi perché paghiamo meno (e finalmente paghiamo un dispositivo per il suo valore reale!). Ma sarà veramente così? Per capirlo, diamo un'occhiata alla strategia della concorrenza, per esempio Apple.


nuovo ipad con display retina


Come sappiamo, Apple guadagna una montagna di soldi dalla vendita dei suoi prodotti. Il nuovo iPad viene venduto in America a $629 nella variante da 16GB con LTE, quando il costo dei materiali è di $365 ai quali vanno aggiunti $10 per la manodopera e si finisce a $375. Certo, questa cifra non include altre spese come lo sviluppo software e le royalties, ma ma mettiamo che in tutto si arrivi a $395. 

La differenza tra il costo al produttore e il prezzo finale dell'iPad con display retina è quindi circa $235. Un bel po'. Però guardiamo anche l'altra faccia della medaglia, in questo caso iTunes. La musica sta ad Apple come i libri stanno ad Amazon, ma Apple ha ammesso che riesce a tenere i prezzi così bassi sulla musica perché non ci guadagna niente

Due strategie speculari, quindi, che riflettono due filosofie fondamentalmente diverse. Il CEO di Amazon, Jeff Bezos, la mette così: "Vogliamo guadagnarci quando la gente usa i nostri dispositivi, non quando la gente compra i nostri dispositivi". Sembra un nobile intento, ma ricordiamo, alla lunga, è Amazon che ci guadagna.

Ora che sappiamo quali sono le strategie delle due compagnie, possiamo decidere se vogliamo pagare meno il dispositivo e alla lunga pagare di più sui contenuti, o pagare significativamente di più subito, per poi risparmiare alla lunga sui contenuti.