Usare l'ingegneria genetica per rendere più eco-sostenibile l'uomo?

Embrione in utero
L'ingegneria genetica potrebbe un giorno permetterci di modificare il nostro organismo in modo da ridurre il nostro impatto ambientale. In un articolo che verrà pubblicato nel giornale scientifico Ethics, Policy and Environment, lo scienziato S. Matthiew Liao - docente di filosofia e bioetica all'Università di New York - propone alcuni cambiamenti da apportare al nostro corpo in modo da renderci più ecosostenibili.

Fra le soluzioni proposte in questo studio c'è quella di creare esseri umani con occhi di gatto, in modo da ridurre il nostro bisogno di illuminazione, oppure la possibilità per i genitori di decidere di avere un figlio di dimensioni più ridotte e che quindi abbia minore consumo energetico. Quest'ultima è giustificata dal dottor Liao nel seguante modo: per ogni chilo di massa corporea abbiamo bisogno di nutrienti ed energia, quindi più un individuo è massiccio, più energia gli servirà, a discapito dell'ambiente. Secondo questo ragionamento (che io non appoggio assolutamente) avrebbe senso creare uomini sempre più piccoli, per non far sentire il nostro peso all'ambiente.

Altri metodi meno invasivi consentirebbero per esempio di smettere di mangiare carne tramite l'uso di una pillola che associa all'ingenstione di carne sensazioni di nausea. A questo proposito, il dottor Liao afferma che una riduzione tra il 21 e il 24% nel consumo della carne avrebbe gli stessi effetti sulle emissioni nell'ambiente della totale localizzazione degli alimenti, ossia commercializzare solamente prodotti locali. In altre parola, sarebbe come eliminare tutte le emissioni derivanti dal trasporto degli alimenti.

Occhi di gatto
Il dottor Liao ci tiene però a sottolineare che la sua è soltanto un'ipotetica soluzione parziale al problema climatico e in ogni caso sarebbe contrario ad ogni forma di cambiamento forzato della strattura dell'uomo.
Alcune di queste idee sono interessanti e potrebbero addirittura farci sorridere, come quella di far nascere degli uomoni con occhi come quelli dei felini; altre invece sono più discutibili dal punto di vista etico, come ridurre le dimensioni dell'uomo. In ogni caso, è lecito domandarsi: è più importante l'uomo o la natura? Quale dei due bisogna salvare? Personalmente, penso che la natura sappia badare a se stessa, come ha fatto negli ultimi 4,5 miliardi di anni. Al massimo, saremo noi a scomparire, ma anche in questo caso la Terra continuerà ad esistere e saprà porre rimedio alle ferite che le abbiamo provocato. Ma ripeto, questo è solo la mia opinione.
In ogni caso, ti pongo la domanda: Pensi che sia lecito usare l'ingegneria genetica per rendere più eco-sostenibili gli esseri umani?

Hai trovato interessante questo articolo? Iscriviti al feed!

Il mio profilo su TechnoratiEP4GYFQ9Y9H3