Traduzioni: traduttori online e altro

Alzi la mano chi non ha almeno una volta avuto bisogno di tradurre una parola in un'altra lingua, per poi cercare su Google e non sempre trovare l'esatta risposta a quello che si cercava. A proposito di questo, non mi dimenticherò mai quando, ai tempi del liceo, ho sorpreso la professoressa di italiano a cercare su Google traduzione why (perché, in italiano, per chi non lo sapesse).

Ma torniamo al discorso di prima. Probabilmente anche al giorno d'oggi qualche puntiglioso linguista, una specie di homo traduttore traduttore prenderà il vocabolario e andrà alla ricerca della parola che gli interessa o i suoi sinonimi. Noi comuni mortali invece chiederemo aiuto a padre Google traduttore. A questo punto abbiamo due opzioni:

1. Usare il traduttore di google.
Andiamo su translate.google.com, selezioniamo la lingua di input e quella di output, scriviamo la parola che vogliamo tradurre et voilà, abbiamo la nostra traduzione.

2. Cercare traduzioni su Google.
Sembra la stessa cosa, ma è diverso. In questo caso, basterà fare una ricerca del tipo "parola da tradurre" + "in inglese", per esempio inglese in inglese, e vedrete subito tutte le varie traduzioni.
Traduzioni e vocabolario sinonimi

Quanto detto sopra è valido quando si necessita di trovare il significato di una sola parola o di un'espressione in un'altra lingua. Se avete la necessità di tradurre testi più lunghi, dovrete appoggiarvi a traduttori di altro tipo. In questo articolo ve ne illustrerò alcuni.



  • Babylon. Se comprate il pacchetto professionale con il vocabolario oxford fa un discreto lavoro
  • Traduttori online. Sul web esistono piattaforme che mettono in contatto domanda e offerta, con prezzi particolarmente convenienti per coloro che comprano le traduzioni. Uno di questi siti è odesk.com, dove bisogna registrarsi dopodiché si può fin da subito mettere all'asta un testo per la traduzione. I prezzi variano a seconda dell'argomento del testo e della lunghezza, ma mediamente costa 7 centesimi/parola. Questo metodo è consigliato solo a chi abbia bisogno di traduzioni professionali. Vi rivelo anche un trucco: spesso la miglior cosa da fare è usare la piattaforma per trovare i migliori - e meno cari - traduttori e poi mettersi in contatto con loro in via privata. In questo modo non dovrete più pagare le commissioni del sito.
Concludendo, tutto dipende dalle vostre  esigenze. Se avete delle esigenze professionali, il consiglio è quello di usare odesk, altrimenti affidatevi al buon Google. Ci sono tanti siti che propongono degli ottimi dizionari gratis là fuori, non ha senso pagare per tradurre una sola parola.