Batteria solare per iPhone: la mia esperienza

Un po' per curiosità, un po' perché mi sono fatto prendere dall'entusiasmo ecologista ho deciso di acquistare (qualche mese fa) una batteria solare per iPhone ed iPod touch. Dal sito del produttore (che non menzionerò) avevo scelto la versione bianca, ma ovviamente me ne è arrivata una verde.

Batteria solare per iPhone
Ma ora passiamo alla mia esperienza con questa particolare batteria. Intanto è arrivata così come la vedete in foto, in una busta, niente istruzioni. Sul sito del produttore c'era scritto che si può ricaricare in due modi: o a corrente, usando il caricabatterie dell'iPhone, oppure ad energia solare, che era l'opzione che a me interessava.

La batteria è provvista di una spia luminosa che si accende quando è in carica. Ho provato subito a metterla al sole; la spia si è accesa e l'ho lasciata lì per circa 6 ore, dopodiché, entusiasmato, l'ho connessa al telefono per vedere se me lo caricava. Ovviamente no. Da allora ho provato ripetute volte a ripetere l'operazione e una volta ha anche funzionato. Per 2 minuti, poi basta.

Aggiungo che di per sé la batteria funziona, perché caricandola con il caricabatterie va tutto alla grande (forse non proprio "alla grande", dal momento che il massimo di carica extra che riesce a darmi è il 20%). Dopo aver contattato il produttore mi sono sentito rispondere che

"Bisogna lasciarla al sole per almeno 12 ore perché si ricarichi"
oppure

"Si vede che il sole non è abbastanza forte. Aspetta giugno." 
Il mio consiglio: informarsi bene prima di comprare una batteria solare per il telefono e soprattutto andare a vedere la capacità della batteria, che sarà specificata in mAh (milliAmpére). La mia è da 600; vi sconsiglierei di comprarne una al di sotto dei 1000 mAh.