Italia compra cacciabombardieri, perché?

Ormai è stato deciso: l'Italia spenderà 14 miliardi di euro per comprare 131 cacciabombardieri nuovi di zecca. E chi altri poteva spendere 14 miliardi per comprarsi gli ultimi giocattoli da guerra usciti sul mercato, se non l'Italia? Siamo furbi noi, eh...
E che altro potrebbero desiderare i 650mila lavoratori italiani in cassa integrazione, se non che il loro Paese si compri i nuovissimi cacciabombardieri Joint Strike Fighters (a decollo verticale eh, perché noi siamo risparmiatori, risparmiamo pista!) per...


Aspetta: ma forse dobbiamo anche farcene qualcosa di questi aerei, visto che li abbiamo pagati 14 milioni. Ma non c'è problema, troveremo come usarli. Al massimo invadiamo di nuovo la Libia per far vedere che anche noi siamo belli! Scherzavo! Non pensiate male, questi aerei sono destinati alle missioni di pace. Infatti riempiremo lo spazio interno ai cacciabombardieri destinato agli ordigni nucleari di...zucchero filato per i bambini arabi tristi. [Aggiornamento: a detta di La Russa gli aerei non lanceranno bombe!]
Passando a ipotesi più serie, vediamo che cosa l'Italia avrebbe potuto comprare o comunque fare con questi 14 miliardi di Euro - invece che incentivare la guerra, che non è altro che un'ulteriore spesa -, vediamo un po' meglio quanti sono 14 miliardi di euro, perché io personalmente non riesco ad immaginarmeli bene. E voi? Intanto ve lo dico io.
14 miliardi di euro sono:

  • 93mila ambulanze
  • 7 milioni di interventi per correggere la miopia
  • 2 riforme scolastiche come quella del ministro Gelmini (e cioè si faceva a meno dei tagli, stanziando anzi la stessa cifra a favore della scuola)
  • 2 ponti di Messina
  • 3 milioni e 300 mila bambini africani adottati a distanza per 10 anni



In conclusione, va bene che l'Italia spenda denaro, anche se siamo in crisi, però che spenda per costruire ospedali, carceri, infrastrutture e per migliorare la qualità dei servizi, non per comprare aerei da guerra.