10 motivi per cui l'iPhone resta uno dei migliori smartphone


Dal giorno in cui è uscito, il 24 giugno di quest'anno, si è parlato moltissimo dell'iPhone 4. Tutti si aspettavano un'altra rivoluzione tecnologica firmata Apple. Invece in poco tempo sono emersi problemi come quello dell'antenna e più tardi quello del guscio che si rompe facilmente. Il primo è stato smentito dal produttore americano con tanto di video e foto di confronto con gli altri telefonini.
Il secondo invece esisteva già nelle versioni precedenti del melafonino e non è di certo bastato a fermare la corsa all'acquisto di chi lo aspettava da mesi.
Volevano un prodotto che puntasse alla fascia business, invece è successo che a comprarlo siano stati soprattutto i giovani. Quel che è certo è che l'ultimo telefono con il marchio della mela sta andando letteralmente a ruba ed entro il 2011 avrà probabilmente raggiunto quota 100 milioni di esemplari venduti.

Microeolico e minieolico: cosa sono e perché convengono

Il futuro è l'energia eolica

Nonostante lo scetticismo di molti, certi tipi di impianti per la produzione di energia elettrica diventano sempre più convenienti, grazie anche al continuo progresso tecnologico. Se ti interessa saperne di più sull'energia rinnovabile in Italia leggi questo articolo.


Oggi parliamo di una nuova tecnologia, rivolta alle famiglie: gli aerogeneratori domestici. Si tratta di piccoli impianti capaci di soddisfare il fabbisogno energetico di una famiglia. In Italia sono 1.450 i comuni che hanno scommesso su questo nuovo prodotto.

Il vaccino antifumo servirà veramente?

Forse sarà solo una delusione.

Sembra che sia la scoperta del secolo: tutti ne parlano ormai, entusiasti di quali potrebbero essere le conseguenze di un farmaco come questo. Stiamo parlando dela medicina che ci farà smettere di fumare: se vuoi saperne di più leggi qui che cos'è il vaccino antifumo.
Molte volte si parla di dipendenza da fumo facendo riferimento esclusivamente agli effetti che la nicotina ha sul cervello. Questo purtroppo è sbagliato, o quantomeno incompleto, perché la verità è che la nicotina non è né l'unica né la più importante causa della dipendenza psichica dalle sigarette. 
Forse è per questo che le multinazionali del tabacco non si stanno facendo troppi problemi a riguardo. Loro che ne sanno sicuramente molto più di noi riguardo al fumo e alla dipendenza in generale, sono coscienti che i fattori che nella maggior parte dei casi ci impediscono di smettere di fumare non hanno niente a che fare con la nicotina.
Vediamo perché.


Il processo che porta dalla prima sigaretta al fatto di essere dei veri e propri fumatori segue un percorso predefinito:

Swype porta la scrittura intuitiva sui touchscreen

Con Swipe sì può scrivere su uno schermo touchscreen con un unico movimento del dito, senza quindi staccarlo dallo schermo.

Da quando i dispositivi touchscreen hanno cominciato a sostituire quelli a tastiera rigida è comparso il problema degli errori di scrittura. Infatti benché le dimensioni degli schermi siano in generale aumentate, spesso queste non sono sufficienti per un'esperienza di scrittura soddisfacente. Non per niente molti preferiscono ancora i dispositivi dotati di tastiera classica.

E' vero, ora c'è anche Google Goggles per cercare su Google scattando una foto con il cellulare, ma questo sistema copre solo il campo delle ricerche in Internet e non la composizione di testi.

Fortunatamente però anche i produttori di smartphone hanno le loro idee e stanno arricchendo i propri dispositivi si sistemi di scrittura sempre più intuitivi e basati su algoritmi sempre più complessi. Come per esempio l'iPhone. Ma non dimentichiamoci che non è sempre stato così. 


Arriva il vaccino antifumo: è la scoperta del secolo

Addio al fumo: arriva il vaccino che ci farà smettere di fumare. Che il fumo facesse male lo sapevamo, tuttavia il numero di fumatori nel mondo è in continuo aumento. Si stima che i fumatori nel mondo siano 1 miliardo e 100 milioni (su 6 miliardi): statisticamente una persona su sei fuma. Tanta gioia per le multinazionali del tabacco, che si sono create dei veri e propri imperi grazie a questo nostro vizietto.
Per fortuna che c'é la ricerca (e sì, Italia, non lo sapevi? Esiste una cosa chiamata ricerca e i Paesi più avanzati ci puntano i soldi invece che investire nella guerra, come qualcun altro invece fa), che ancora una volta ci salva la vita.
Gli scienziati della GlaxoSmithKline, che con tutti i soldi che hanno dato a Obama dovevano pur trovare il vaccino del secolo, hanno trovato la cura per la dipendenza da fumo. Basta sigarette per chi non vuole più fumare: con un'iniezione si è al sicuro per tutta la vita.




Manifestazione contro la Riforma Gelmini

Giovani che manifestano contro la riforma Gelmini in piazza a Vicenza
Giovani in piazza a Vicenza
per manifestare contro
 la riforma Gelmini


Partenza: 8 e 30 della mattina, nessuno va a scuola
perché è una giornata importante. In piazza, 2000 studenti, coscienti del fatto che altri 900.000 popolano le piazze italiane, per manifestare contro



La Riforma Gelmini


L'accusa  che viene inflitta al ministro dell'istruzione è di distruggere la scuola pubblica, favorendo
le scuole private. Può essere vero come anche no: non siamo qui per discutere di questo - almeno per adesso, no - .
Questa manifestazione però ci fa capire una cosa: un nuovo fermento di protesta sta prendendo piede tra i giovani italiani -e non-. Questo fermento non è necessariamente l'odio per la Gelmini, né per Berlusconi.


E' una presa di coscienza collettiva.
Succede quando un popolo

7 Peccati Capitali di Facebook

Entrata in una grotta oscura
Grazie alla sua viralità Facebook è diventato uno dei re incontrastati di Internet, nonché il secondo sito più visitato al mondo dopo Google. Peccato che ha grossi difetti che col tempo di certo non miglioreranno. Ma vediamo meglio quali sono i cosiddetti 7 peccati capitali di Facebook.


1. Zuckerberg vende puntualmente i dati personali degli iscritti. Peccato che nessuno legga il contratto che viene sottoposto ad ogni nuovo utente, che non a caso è sempre più lungo e complicato. Sulla homepage di Facebook c'è inoltre un annuncio che invita le aziende

Niente bombe nei cacciabombardieri

Bella notizia per chi pensava che i 131 cacciabombardieri che l'Italia ha di recente deciso di comprare sarebbero stati armati di bombe e impiegati in missione di guerra. Il Ministro della Difesa Ignazio La Russa dichiara infatti che non sarà così .

Google Goggles: Ricerca con Foto

Google Goggles ti permette di usare foto scattate con un telefono cellulare per effettuare ricerche sul web. E' perfetto per cose difficili da descrivere a parole. Non c'è bisogno di digitare o pronunciare la cosa: basta aprire l'applicazione, scattare la foto e attendere i risultati della ricerca.


Google Goggles sul telefonino
Google Goggles sul proprio smartphone


Google Goggles funziona meglio con certi tipi di cose, come libri, DVD, biglietti da visita, opere d'arte, prodotti, codici a barre, testi. Può riconsocere fino a 3 elementi alla volta. Attualmente Google Goggles non funziona bene con foto di animali, piante, macchine, ecc. Fortunatamente gli ingegneri di Google ci stanno pensando.


Google consiglia anche di tenere il cellulare in orizzontale mentre si scatta la foto, per facilitare il riconoscimento da parte del software e

Ikariam online: Trucchi, consigli

Schermata base di Ikariam
Schermata iniziale di Ikariam
Ikariam è il gioco online del momento. Milioni di iscritti in tutto il mondo, un gioco di strategia interattivo e avvincente e una grafica semplice rendono Ikariam il legittimo successore di colossi come Starcraft.

Ma passiamo ai consigli e ai trucchi che Di Tutto su Tutto ha preparato per voi.


1. I bombardieri sono il

Italia compra cacciabombardieri, perché?

Ormai è stato deciso: l'Italia spenderà 14 miliardi di euro per comprare 131 cacciabombardieri nuovi di zecca. E chi altri poteva spendere 14 miliardi per comprarsi gli ultimi giocattoli da guerra usciti sul mercato, se non l'Italia? Siamo furbi noi, eh...
E che altro potrebbero desiderare i 650mila lavoratori italiani in cassa integrazione, se non che il loro Paese si compri i nuovissimi cacciabombardieri Joint Strike Fighters (a decollo verticale eh, perché noi siamo risparmiatori, risparmiamo pista!) per...


Aspetta: ma forse dobbiamo anche farcene qualcosa di questi aerei, visto che li abbiamo pagati 14 milioni. Ma non c'è problema, troveremo come usarli. Al massimo invadiamo di nuovo la Libia per far vedere che anche noi siamo belli! Scherzavo! Non pensiate male, questi aerei sono destinati alle missioni di pace. Infatti riempiremo lo spazio interno ai cacciabombardieri destinato agli ordigni nucleari di...zucchero filato per i bambini arabi tristi. [Aggiornamento: a detta di La Russa gli aerei non lanceranno bombe!]
Passando a ipotesi più serie, vediamo che cosa l'Italia avrebbe potuto comprare o comunque fare con questi 14 miliardi di Euro - invece che incentivare la guerra, che non è altro che un'ulteriore spesa -, vediamo un po' meglio quanti sono 14 miliardi di euro, perché io personalmente non riesco ad immaginarmeli bene. E voi? Intanto ve lo dico io.
14 miliardi di euro sono:

  • 93mila ambulanze
  • 7 milioni di interventi per correggere la miopia
  • 2 riforme scolastiche come quella del ministro Gelmini (e cioè si faceva a meno dei tagli, stanziando anzi la stessa cifra a favore della scuola)
  • 2 ponti di Messina
  • 3 milioni e 300 mila bambini africani adottati a distanza per 10 anni



In conclusione, va bene che l'Italia spenda denaro, anche se siamo in crisi, però che spenda per costruire ospedali, carceri, infrastrutture e per migliorare la qualità dei servizi, non per comprare aerei da guerra.

Guadagnare Online: Click con Neobux

Il Guadagno Online: Neobux.com


Oggi ho deciso di parlarvi di Neobux, uno dei tanti siti di guadagno “PTC/PTR” (per guadagnare online cliccando) che ci siano in giro nella rete. Neobux è un sito onesto, serio e preciso che paga i propri utenti.


Uomo felice perchè ha guadagnato con Neobux
E' vero che anche il guadagno
fa la felicità!
Molto spesso in rete si trovano molti di questi siti definiti “scam”, cioè siti che nascono racimolano i primi guadagni e poi chiudono baracca e burattini e tanti saluti ai “fessi” che per mesi hanno cliccato le loro pubblicità.
Una cosa odiosa che è capitata anche a me più di una volta.
Per fortuna in giro si trovano anche