Alfano: Detenuti Ai Lavori Socialmente Utili

In Italia ci sono 58.500 detenuti, in media 136 per ogni cento posti disponibili nelle carceri: ne risulta che queste ultime sono strapiene.


Dopo l'indulto, uno degli errori più clamorosi che siano stati fatti nella storia della Repubblica, arriva finalmente una soluzione accettabile: impiegare

nei lavori socialmente utili coloro che sono stati condannati ad una reclusione inferiore ai due anni.
Lavori socialmente utili per i detenuti
Dura fatica per punizione...

L'utilità consisterebbe nell'alleggerire le carceri in poco tempo, cioè senza dover aspettare che ne vengano costruite di nuove.
I detenuti saranno contenti? Forse sì forse no, ma comunque non importa.
Già gli diamo da mangiare a spese dello Stato, almeno facciamoli lavorare! La proposta ha già suscitato polemiche, secondo alcuni infatti sarebbe un ritorno ai lavori forzati; secondo altri è la soluzione più geniale che si possa trovare.
Fatto sta che l'emergenza resta e con il tempo diventa sempre più grave, mentre qualcuno parla già di violazione dei diritti umani.




Ti è piaciuto l’articolo? Clicca su OK!

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.

7 commenti:

  1. Argomento spinoso; sarà interessante vedere come, dove e in quale realtà verranno utilizzati.
    Ciao, a presto.

    RispondiElimina
  2. Si e soprattutto speriamo che questo provvediamento non sia semplicemente un modo per liberare le carceri, ma l'indicatore di un nuovo modo di pensare rapportato ad una società in cambiamento.

    RispondiElimina
  3. speriamo che non restino soltanto parole, sarebbe giusto che scontino la loro pena facendo qualcosa di buono per la società

    RispondiElimina
  4. @moonflower

    sono pienamente d'accordo con te. Secondo me, basta anche solo che se ne parli e soprattutto bisogna fare in modo che i giovani ne parlino, perchè sono loro i governanti del futuro

    RispondiElimina
  5. E' una buona idea....scippatori come assistenti agli anziani, spacciatori nei centri di recupero ad assistere alle crisi da astinenza...ladri come assistenti alla spesa nei centri commerciali...ognuno espia le proprie colpe e cerca di capire il male che ha fatto.

    RispondiElimina
  6. @Marina
    Esattamente. E quelli che commettono omicidio potrebbero essere impiegati nei lavori più rischiosi: potranno sostituire i topi da laboratorio o lavorare nelle centrali nucleari come addetti al trasporto delle scorie radioattive...E' solo questione di fantasia

    RispondiElimina
  7. @ arrgianf
    dituttosututto non fa più scambi link per due motivi:
    1: non è nella politica di google
    2: penso che abbia senso linkare un blog solo nel caso in cui scriva un post particolarmente interessante, non mi sembra giusto fare delle liste di blog semplicemente per aumentarne il PageRank. Se tu mi hai linkato in precedenza, vuol dire che ti piace il mio blog, altrimenti se lo hai fatti semplicemente per una questione di SEO, toglilo pure dalla lista. Per quanto mi riguarda, il tuo blog è tra quelli che ogni tanto leggo e se mai dovessi trovare un articolo che giudico interessante, stai sicuro che lo linkerò. E' questa la politica giusta.
    Nota: per Google un link in uscita in mezzo ad altri cento non solo non vale niente, ma può addirittura penalizzare il sito che ospita lo scambio. Invece un link in mezzo ad un post vale come cento. Sta a te scegliere. Ciao e a presto

    RispondiElimina