Alfano: Detenuti Ai Lavori Socialmente Utili

In Italia ci sono 58.500 detenuti, in media 136 per ogni cento posti disponibili nelle carceri: ne risulta che queste ultime sono strapiene.


Dopo l'indulto, uno degli errori più clamorosi che siano stati fatti nella storia della Repubblica, arriva finalmente una soluzione accettabile: impiegare

nei lavori socialmente utili coloro che sono stati condannati ad una reclusione inferiore ai due anni.
Lavori socialmente utili per i detenuti
Dura fatica per punizione...

L'utilità consisterebbe nell'alleggerire le carceri in poco tempo, cioè senza dover aspettare che ne vengano costruite di nuove.
I detenuti saranno contenti? Forse sì forse no, ma comunque non importa.
Già gli diamo da mangiare a spese dello Stato, almeno facciamoli lavorare! La proposta ha già suscitato polemiche, secondo alcuni infatti sarebbe un ritorno ai lavori forzati; secondo altri è la soluzione più geniale che si possa trovare.
Fatto sta che l'emergenza resta e con il tempo diventa sempre più grave, mentre qualcuno parla già di violazione dei diritti umani.




Ti è piaciuto l’articolo? Clicca su OK!

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.