Come Leggere Guerra E Pace



Come leggere Guerra E Pace? Contrariamente a quanto potrebbe sembrare, non è una domanda stupida, perchè questo famosissimo romanzo dello scrittore russo Lev Nikolaevic Tolstoj potrebbe veramente cambiarvi la vita, o quantomeno il modo di pensare, quindi, a chi volesse accingersi nell'impresa di leggere questa mole di 1500 pagine e più di seicentotrenta (!) personaggi, proporrò alcuni consigli appunto, di lettura.


Il romanzo è ambientato nella Russia del 1800, e tratta delle vicende della società russa, in particolare pietroburghese e moscovita, con particolare focus sul 1805 e sul 1812. Ovviamente in questa sezione non riassumerò la trama del libro (anche perchè ci vorrebbero dieci pagine e non avrebbe senso guastarvi il piacere della lettura), bensì cercherò di farvi un elenco delle conoscenze che sarebbe meglio possedere prima di procedere con la lettura del libro, e perchè no, anche dello stile di lettura. Partiamo dall'ambientazione del romanzo: la Russia. E' quindi altamente indicato che guardiate una mappa della Russia, va bene anche quella attuale, individuando le seguenti città : Mosca, Pietroburgo, Borodino. Vi servirà molto per le indicazioni geografiche e per orientarvi nella storia in generale.


State molto attenti alle descrizioni, perchè ogni personaggio viene descritto una sola volta, ma le sue caratteristiche fisiche e comportamentali saranno fondamentali per tutto il libro. Suggerisco di farsi uno schema su un foglio a parte da tenere sempre a portata di mano, così da non dover tornare indietro di centinaia di pagine alla descrizione iniziale del personaggio. Un altro metodo molto utile è la visualizzazione mentale dei personaggi: vedrete che sarà facile, perchè i dettagli sono tantissimi e i personaggi diventeranno quasi "veri" nella vostra immaginazione. Non leggere "capitolo per capitolo": è sbagliato, perchè un libro va "digerito", discusso e pensato e per questo sono necessarie molte pause.


Leggerlo "tutto d'un fiato" non serve a niente, quindi lasciate stare le sfide del tipo "io l'ho letto in quindici giorni", "io invece l'ho letto in una settimana". Prendetevi tutto il tempo di cui avete bisogno (ovviamente non anni), e non usate il segnalibro. Provatelo, con qualunque libro, e vedrete che risultati! Sicuramente le prime volte dovrete riprendere la lettura da qualche pagina prima del dovuto, perchè vi capiterà (soprattutto se la pausa è durata parecchi giorni) di non ricordarvi dove siete arrivati.


Ed è proprio qui che sta il segreto di questa tecnica: vi costringerà a farvi un riassunto a grandi linee di quel che avete già letto, di conseguenza le cose vi resteranno più impresse nella mente e capirete anche meglio quello che segue. Questo è tutto.Buona Lettura!



Se questo articolo ti è piaciuto, allora potresti apprezzare anche:
"Il Razzismo Spiegato A Mia Figlia"




Boom Cocaina Tra I Giovani


(ANSA) - BRUXELLES, 6 NOV - Piu' coca, soprattutto tra i giovanissimi, e meno spinelli, crolla il consumo di ecstasy, mentre l'eroina continua ad uccidere. Questa la fotografia scattata dall'Osservatorio europeo delle droghe nel suo rapporto annuale.Rapporto in cui si segnala anche il boom incontrollato dei negozi on line dediti alla vendita di droghe sintetiche altamente dannose per la salute.L'Italia, negli ultimi 12 mesi,fa registrare il piu' alto consumo di cocaina:il 3,2% dei giovani tra i 15 e i 34 anni.




Corteccia Di Pino Per Combattere Il Jet-Lag

Annullare gli effetti del jet-lag? A quanto pare basta assumere il picnogenolo, una sostanza antiossidante estratta dalla corteccia del pino marittimo francese. È quanto ha dimostrato uno studio italiano condotto presso l'Università Gabriele D'annunzio di Pescara. Il picnogenolo è un estratto naturale che contiene una combinazione di procianidine, bioflavonoidi e acidi fenolici, sostanze antiossidanti che hanno un'azione positiva sul sistema circolatorio. Precedenti studi, infatti, hanno dimostrato che queste sostanze sono in grado di ridurre il rischio di edema, di trombosi venosa profonda e che migliorano la circolazione sanguigna. Il picnogenolo protegge le cellule endoteliali cardiache e vasali, previene la rottura dell’elastina proteggendo le cellule cutanee da perossidazione lipidica e la citotossicità indotta dai raggi ultravioletti. Dai dati raccolti dai ricercatori italiani, che saranno pubblicati sulla rivista Minerva Cardioangiologica, risulta che un trattamento preventivo con picnogenolo riduce i sintomi più comuni del jet-lag: mal di testa, insonnia o alterazioni del sonno, irritabilità, senso di fatica. I ricercatori italiani, usando la tomografia computerizzata, hanno dimostrato per la prima volta che questo estratto agisce anche sulle cellule neuronali, riuscendo a riequilibrare l'orologio interno che il cambiamento di fuso orario fa andare in tilt per qualche tempo.

Papa: Inaccettabili Persecuzioni In Nome Di Dio


CITTA' DEL VATICANO - "I leader politici e religiosi hanno il dovere di assicurare il libero esercizio dei diritti nel pieno rispetto della libertà di ogni individuo e della libertà di coscienza e di religione". Le "persecuzioni" sono "atti inaccettabili e ingiustificabili, ancora più deplorevoli se portati avanti in nome di Dio". Lo ha affermato il Papa ricevendo i partecipanti al Forum cattolico-musulmano.

Esito elezioni USA:Obama presidente


Obama vincitore! Finalmente, dopo mesi di sondaggi più o meno incerti e più o meno imprecisi, sappiamo l'esito delle elezioni del presidente degli Stati Uniti: Barack Obama. Qualcosa cambierà con il nuovo presidente?Cosa comporterà il fatto che Obama è stato sponsorizzato dalle case farmaceutiche? Scommettiamo che a breve uscirà un nuovo vaccino importantissimo?  Se le cose cambieranno in meglio o in peggio nessuno può dirlo, però di una cosa possiamo essere certi: Barack Obama entrerà nella storia come il primo presidente di colore (per dirla in termini “politically correct”) degli States.
Ecco il suo discorso a Chicago.

Prossima Uscita: 007 Quantum Of Solace

Arriva il nuovo episodio della serie del famosissimo agente 007: Quantum Of Solace


GENERE: Azione, Avventura
ANNO PROD: 2008 DATA DI USCITA: 07/11/2008
REGIA: Marc Forster
CAST: Daniel Craig, Olga Kurylenko, Gemma Arterton, Judi Dench, Jeffrey Wright, Mathieu Amalric, Giancarlo Giannini,...
TRAMA:Tradito da Vesper, la donna che amava, 007 deve combattere l'istinto di trasformare la sua missione in una questione personale. Cercando di scoprire la verità, Bond e M interrogano Mr. White che rivela come l'organizzazione che ricattava Vesper sia molto più complessa e pericolosa di quanto immaginassero. Il lavoro di intelligence collega un agente MI6, che ha tradito l'agenzia, ad un conto bancario a Haiti dove, per uno scambio di persona, Bond conosce la bella e aggressiva Camille, una donna che ha una vendetta personale da portare a termine. Camille accompagna Bond da Dominic Greene, un uomo d'affari senza scrupoli, che è tra i membri principali della misteriosa organizzazione. In una missione che lo porta in Austria, Italia e in Sudamerica, Bond scoprirà che Greene è impegnato in una cospirazione per prendere il controllo di una delle risorse naturali più importanti del mondo, che lo spinge a stringere un patto con il generale in esilio Medrano. Utilizzando i suoi colleghi nell'organizzazione, e manipolando i suoi potenti contatti nella CIA e nel governo britannico, Greene promette di rovesciare il regime al potere in un paese latinoamericano, mettendo al suo posto il generale in cambio di un territorio apparentemente arido. In un vero e proprio campo minato fatto di tradimenti, omicidi e inganni, Bond si allea con dei vecchi amici in una lotta per scoprire la verità. Mano a mano che si avvicina a scoprire l'uomo responsabile del tradimento di Vesper, 007 deve continuare a rimanere un passo avanti alla CIA, ai terroristi e persino a M per sventare l'inquietante piano di Greene e fermare la sua organizzazione...


Max Payne: dopo il videogioco arriva il film



Il film è tratto dall’omonima serie di videogame della Rockstar.
GENERE: Azione, Thriller
ANNO PROD: 2008 DATA DI USCITA: 28/11/2008
NAZIONALITÀ USA
REGIA: John Moore
CAST: Mark Wahlberg, Mila Kunis, Chris O'Donnell, Beau Bridges
TRAMA:Dopo che la moglie e la figlia neonata vengono uccisi da un gruppo di criminali dipendenti da una nuova droga chiamata Valkyr, l’agente di polizia newyorchese Max Payne giura di vendicarsi in ogni modo degli spacciatori della sostanza e dei suoi produttori. Decide allora di arruolarsi nella DEA, la Drug Enforcement Agency, e inizia una missione sotto copertura per arrivare ad identificare i boss della famiglia mafiosa che controlla la produzione ed il traffico del Valkyr. Durante la missione però Max viene incastrato per l’omicidio di un collega che non ha commesso, e si ritroverà braccato sia dalla mafia che dalla polizia. Questo non gli impedirà di andare avanti per la sua strada e di lottare da solo e con ogni mezzo pur di compiere la sua vendetta.

Hp: arriva il nuovo Touch Smart IQ800


HP è ormai da tempo azienda leader nel mercato PSG (PC, portatili, workstation, thin client, netbook) e, a giudicare dai recenti annunci, pare seriamente intenzionata a consolidare ulteriormente la propria posizione.

Nell’ambito dei PC Desktop di fascia alta, HP ha già oggi quote di mercato che superano abbondantemente il 35 % e sembra che con il nuovo HP Touch Smart IQ800, la cui uscita è prevista per il mese di novembre, sarà destinata a conservare questa leadership.

La qualità dello schermo costituisce l’asso nella manica per HP Touch Smart IQ800. L’ampio display a 25,5 pollici supporta infatti una risoluzione massima di 1.900×1.200 pixel, con un’eccezionale sensibilità e precisione per quanto riguarda il controllo touch screen. L’interfaccia grafica risulta inoltre ampiamente personalizzabile.

Sarà possibile lavorare anche al buio, servendosi del sistema di illuminazione HP Ambient Light. I 4 GB di memoria RAM, abbinati al processore 2,16GHz Core 2 Duo garantiscono una potenza di calcolo di prim’ordine. Il modello risulta inoltre dotato di lettore Blu-ray, connessione Bluetooth. Il prezzo di lancio è di 1999 €.

onehome.it

Platone: L'Immortalità Dell'Anima

Platone parte dalla definizione dell' uomo data da Socrate, e la porta alle estreme conseguenze, a tutti i livelli. La definizione che Socrate ha dato dell' uomo é stata rivoluzionaria: l' uomo é la sua anima; il corpo é come lo strumento di cui essa si avvale. Prima di Socrate l' anima aveva differenti significati. In Omero é la larva inconsapevole che resta dell' uomo che va agli inferi. Negli Orfici é un dèmone, che per un' originaria colpa commessa cade in un corpo, da cui, sia attraverso le trasmigrazioni, sia mediante le purificazioni, tornerà a liberarsi. Ma essa non coincide con la razionalità dell' uomo. Nei Presocratici é stata in vario modo connessa col principio, ma in modo ancora generico. Con Socrate l' anima diventa ciò per cui l' uomo conosce e determina la sua vita morale. E da Socrate in poi é questo il senso che la parola anima ha assunto. Ma Socrate ha lasciato ancora aperto un problema: quello dell' immortalità. Dal punto di vista della credenza, egli propendeva nettamente per l' immortalità dell' anima; ma, dal punto di vista teoretico, non aveva ancora guadagnato quei fondamenti metafisici, in base ai quali questa credenza poteva venir dimostrata razionalmente. E' appunto questo il problema che Platone si é assunto, con tutte le conseguenze che ne derivano. L' opera in cui per la prima volta questo problema viene posto in modo radicale é " Il Gorgia ". E proprio sull' impostazione che Platone dà al problema in questo dialogo bisogna concentrarsi per ben comprenderlo. Socrate il giusto é stato ucciso, e l' ingiusto sembra invece trionfare. Il virtuoso e il giusto sono in balìa dell' ingiusto e ne soffrono i soprusi. I viziosi e gli ingiusti sembrano invece felici e soddisfatti delle loro prepotenze. Il politico giusto soccombe, mentre quello senza scrupoli si impone. Dovrebbe trionfare il bene, e invece sembra che trionfi il male. Da che parte sta allora il vero ? Callicle, uno dei protagonisti del " Gorgia ", che dà voce alle tendenze estremistiche che erano maturate in quei tempi con gli epigoni dei sofisti, non esita a proclamare, con sfrontata impudenza, che la verità é dalla parte del più forte, cioè di colui che sa farsi beffa di tutto e di tutti, sa godersi ogni piacere, sa soddisfare tutte le sue passioni e sa saziare qualsiasi suo desiderio. La giustizia é una invenzione, a suo avviso, dei deboli, la virtù é una sciocchezza e la temperanza una assurdità. Chi si astiene dai piaceri e si modera é uno stolto, perchè la vita che costui vive, in realtà, é uguale alla morte. Proprio in risposta a questa concezione estrema Platone recupera le verità orfico - pitagoriche, le fonda sulle basi della sua metafisica, spingendo molto oltre Socrate, anche se sulla scia da lui tracciata. Callicle e tutti coloro di cui Callicle é simbolo dicono che la vita del virtuoso, che mortifica gli istinti, é vita senza senso, e quindi morte. Ma che cosa é la vita e che cosa la morte ? Non potrebbe aver ragione chi dice: " Chi può sapere se vivere non sia morire e morire non sia vivere ? ". E' chiaro allora che per Platone diventa risolutiva proprio la risposta a quel problema che Socrate aveva volutamente lasciato insoluto, ossia il problema dell' immortalità e delle sorti escatologiche dell' anima. Infatti, se l' anima fosse mortale e se, con la morte del corpo, anche lo spirito dell' uomo si dissolvesse, allora la dottrina di Socrate, da sola, non basterebbe a confutare quella di Callicle. Per conseguenza, la dottrina dell' immortalità emerge in primo piano e conferisce una nuova dimensione all' etica e alla politica. Vivere per il corpo, come fanno molti uomini, significa vivere per ciò che é destinato a morire; vivere, invece, per l' anima significa vivere per ciò che é destinato ad essere sempre. L' uomo giusto che in questa vita viene ucciso, perde il corpo, ossia ciò che é mortale, ma salva l' anima, che é, invece, immortale. E' evidente dunque che le prove dell' immortalità dell' anima rivestono una grandissima importanza nel pensiero di Platone, perchè devono portare questa problematica dal piano della semplice credenza a un piano filosofico di dimostrazione razionale coerente e consistente. Platone si concentra su questo problema nel " Fedone ". Delle tre e molto complesse e articolate prove dell' immortalità, qui ricordiamo il nocciolo della seconda, particolarmente significativo. L' anima umana é capace di conoscere cose " immutabili ed eterne ". Ma la condizione necessaria e indispensabile per cui essa possa conoscere queste cose, é che essa abbia una natura loro affine, altrimenti queste rimarrebbero al di fuori delle sue capacità. Ebbene, come quelle cose sono immutabili ed eterne, così anche l' anima deve essere ontologicamente immutabile ed immortale. E' questa una prova che porta alle estreme conseguenze il principio, già ben radicato nel pensiero greco, che solo il simile conosce il proprio simile, ma riguadagnato sul piano metafisico, sulla base della scoperta del mondo intellegibile delle idee. Un' altra prova dell' immortalità dell' anima é che essa, per dirla proprio alla Platone, partecipa più di ogni altra cosa all' idea di vita e, di conseguenza, come potrebbe partecipare anche a quella di morte ? Ulteriori prove Platone le fornisce nella " Repubblica " e nel " Fedro ". Nella " Repubblica " mostra che i mali del corpo distruggono il corpo, quelli dell' anima, anche portati alle estreme conseguenze, non la distruggono; il che significa appunto che é incorruttibile. Nel " Fedro ", infine, la prova viene concentrata intorno al concetto di automovimento. Ma la questione decisiva per risolvere in modo razionale il problema posto nel " Gorgia ", é quella strettamente connessa all' immortalità, ossia il problema della sorte dell' anima dopo la morte dell' uomo. La soluzione di questo problema Platone l' ha affidata ai grandi miti del " Gorgia ", del " Fedone " e della " Repubblica ". Il nucleo concettuale che permane identico nelle complesse variazioni e differenziazioni immaginifiche che vengono presentate in questi miti é il seguente. I buoni riceveranno un premio per le loro virtù. Quelli che vissero una vita media, e quindi commettendo colpe sanabili, sconteranno una pena che li purificherà dall' ingiustizia commessa, mediante la sofferenza, perchè dall' ingiustizia, afferma Platone " non ci si può liberare in modo diverso ". Quelli che commisero ingiustizie insanabili saranno condannati nell' Ade a soffrire i patimenti più grandi. Fra le molte affermazioni che Platone fa sulle sorti delle anime nell' al di là, ne ricordiamo due del " Gorgia ", particolarmente rilevanti. Il supremo giudizio viene fatto sull' anima spoglia del corpo e di tutto ciò che sulla terra é legato alla dimensione del corporeo. E nell' anima di colui che viene giudicato " resta tutto ben visibile quando si sia spogliata del corpo e le sue caratteristiche costituzionali e le affezioni che l' uomo le ha procurato, mediante il modo di comportarsi in ciascuna circostanza ". Inoltre, Platone afferma che Zeus costituì come giudici nell' al di là tre suoi figli. In questa affermazione fa veramente impressione l' analogia con l' affermazione evangelica " Il Padre non giudica nessuno, ma affida il giudizio al figlio ". Questa concezione dell' al di là si intreccia con la dottrina orfico-pitagorica della metempsicosi, che può portare le anime vissute in modo malvagio a reincarnarsi in corpi di animali, con cicli complessi, che nel " Fedro " vengono presentati come concludentisi, in ogni caso, con un ritorno alle origini divine dopo 10000 anni, e 3000 per i filosofi che hanno saputo vivere la loro vita per tre volte consecutive in dimensione dell' amore filosofico. Ma lasciando questo quadro dell' immaginario che Platone stesso ci ha detto di intendere non già vero nei particolari, ma solo nel " suo significato di fondo ", traiamo le conclusioni su questo punto. Il pensiero essenziale dell' etica così come nella politica di Platone sta in questo. Ciascuno deve cercare di fare ordine nel disordine delle passioni del proprio animo, così come deve cercare di portare ordine nel disordine che si trova nella società e nello Stato. Fare questo significa " portare unità nella molteplicità e mediare le varie scissioni con la giusta misura in tutti i sensi ". Questo Platone ci dice in varie maniere sia nella " Repubblica ", sia anche nelle " Leggi ". E fare questo significa operare come il Demiurgo quando ha prodotto il mondo, trasformando l' originario caos nel cosmo, legando i molti con l' uno e l' uno coi molti. La " imitazione di dio ", che Platone a più riprese indica come fine supremo dell' etica così come della politica, consiste appunto nell' agire come ha agito dio, producendo il mondo, il quale altro non é che cosmo e ordine.

Scambio P2P pericoloso

Le denunce delle case discografiche contro la condivisione e il download di materiali protetti da diritto d'autore non si fermano e in una nuova operazione conseguente il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Venezia ha coordinato un'operazione ieri in diverse regioni che ha portato alla denuncia di 48 utenti italiani di sistemi peer-to-peer, in particolare di ambienti Direct Connect.

In particolare, nel corso dell'operazione denominata "Musical Box", le Fiamme Gialle hanno eseguito nel giro di alcuni giorni oltre 50 perquisizioni domiciliari. "Il costante monitoraggio della rete Internet - si legge in una nota diramata dalla GdF - consentiva ai militari del Gruppo tutela Beni e servizi del Nucleo di Polizia Tributaria di Venezia di individuare alcuni soggetti che attraverso il cosiddetto file sharing condividevano illecitamente con altri utenti milioni di file musicali e video in formato elettronico tutelati dal diritto d'autore". Ad essere individuati oltre ai singoli utenti anche coloro che sono ritenuti i gestori del network di scambio.

"Con l'unità dedicata monitora queste situazioni - ha confermato a Punto Informatico il Colonnello Pier Luigi Pisano - quando vediamo che un indirizzo IP scarica a raffica centinaia o migliaia di file è chiaro che non si tratta più di un downloader casuale ma di qualcuno che lo fa spesso con altre finalità, anche a fini di lucro". A venire perseguita in questo caso, dunque, è la condivisione dei file protetti che secondo la Guardia di Finanza integra il reato previsto dall'articolo 171 comma 1 lettera A della legge sul diritto d'autore, laddove punisce chiunque "mette a disposizione del pubblico, immettendola in un sistema di reti telematiche, mediante connessioni di qualsiasi genere, un'opera dell'ingegno protetta, o parte di essa".

All'identità delle persone coinvolte nell'indagine si è giunti come sempre anche in questa occasione partendo dal loro IP. Lo spiega la Guardia di Finanza: "Dai 50 diversi indirizzi IP, grazie anche alla preziosa collaborazione fornita dalla F.P.M. (Federazione contro la pirateria musicale, ente privato che collabora con la Guardia di Finanza a tutela dei diritti d'autore detenuti dalle compagnie discografiche) si è risaliti, tramite i provider, ai nominativi dei soggetti dediti all'illecita attività, ottenendo dalla locale Procura della Repubblica (PM dott. Giovanni Zorzi) altrettanti decreti di perquisizione domiciliare su tutto il territorio nazionale".

Come di rado accaduto in passato in casi di questo tipo, nel corso di questa operazione, nata per colpire il traffico illecito di musica, sono emersi altri profili di illegalità, in particolare in due casi, dove gli utenti coinvolti sono stati trovati in possesso di contenuti di pornografia infantile, una fattispecie assai più grave e ben diversa dalla violazione del diritto d'autore. In particolare i due soggetti, hanno spiegato gli uomini della Guardia di Finanza, ponevano in condivisione dei video, diramando quindi verso terzi gli abusi in essi ritratti, il che rappresenta un'ulteriore fattispecie di reato oltre al mero possesso.

Ad aggravare ulteriormente la posizione legale di questi due utenti, specifica la nota delle Fiamme Gialle, è il fatto che diffondevano questi video ad un "target" di giovani. "È proprio il sistema di diffusione ed il bacino di utenza tipicamente giovanile - spiegano i finanzieri - a rendere oltremodo insidioso questo tipo di illecito, poiché la violazione del diritto d'autore potrebbe essere in realtà, come è avvenuto in questo caso, uno strumento per catturare in rete adolescenti". Non si tratta quindi né di mero possesso né di sola condivisione ma anche dell'ipotesi di adescamento e produzione di materiali pedopornografici.

"Quel che abbiamo rilevato nei due casi - ha sottolineato a Punto Informatico il Colonnello Pisano - è un buon numero di file a contenuto pedopornografico. Questo non solo riguarda fattispecie diverse ma è allarmante proprio per il tipo di pubblico che perlopiù frequenta questi nodi di scambio". L'idea, cioè, è che un utente di giovane età possa non solo trovarsi a scaricare file dai contenuti abusivi ma che "rischi anche di entrare in contatto con questo tipo di persone".

Nel complesso, la Guardia di Finanza ha impiegato più di 200 agenti nelle operazioni di perquisizione. Come accennato, 46 sono i denunciati per violazione del diritto d'autore e 2 gli utenti denunciati all'autorità giudiziaria per fattispecie ben più pesanti. Andando ai numeri complessivi dell'operazione, il Comando provinciale ha specificato che sono stati sequestrati quasi 2milioni di file audio/video duplicati abusivamente, circa 16mila supporti ottici (sia CD che DVD), 72 PC e 200 hard disk. Nel complesso sono state applicazione le sanzioni previste dalla legge per un importo complessivo di 3,2 milioni di euro.

L'operazione condotta dalla GdF, la prima di questo calibro dopo l'affaire Peppermint, dalle caratteristiche peraltro ben diverse, e il pronunciamento del Garante della privacy sul monitoraggio delle attività P2P, è stata accolta con comprensibile entusiasmo da FIMI, la Federazione dell'industria musicale italiana aderente a Confindustria. Il presidente della Federazione Enzo Mazza, ha dichiarato: "Dopo le recenti azioni contro il sito pirata svedese (Pirate Bay) e contro server che consentivano la diffusione illegale di materiale protetto da diritto d'autore, siamo soddisfatti di questo ulteriore giro di vite che colpisce grandi fornitori di contenuti illeciti". Una soddisfazione legata al fatto che, secondo FIMI, la pirateria sulla musica che si svolge online, principalmente ma non solo attraverso sistemi di condivisione peer-to-peer, provoca danni che stima in "300 milioni di euro". Va anche detto che, per quanto riguarda la Baia dei Pirati, dopo il blocco deciso ad agosto all'inizio di ottobre il Tribunale del Riesame di Bergamo ha deciso di rendere nuovamente accessibile agli utenti italiani il sito di The Pirate Bay.

Allo scopo di scoraggiare l'"utenza", FIMI ha chiosato i commenti all'operazione Musical Box ricordando che "la normativa vigente in Italia in materia di condivisione illegale di materiale protetto da diritto d'autore prevede una multa fino a 2.000 euro e sanzioni amministrative accessorie che possono anche raggiungere svariati milioni di euro (103 euro di sanzione per ogni file illegale). Nel caso venga ravvisato lo scopo di lucro, oltre alle sanzioni amministrative già citate, l'imputato rischia una pena detentiva fino a tre anni di carcere e una multa fino a 15.000 euro".

da puntoinformatico.it