Logica Fuzzy

Che cos'è la logica fuzzy?
Secondo la teoria degli insiemi, gli enti matematici esistono solo se possiamo con certezza collocarli dentro o fuori da un insieme.


Questa proprietà discende direttamente dalla logica aristotelica, e più precisamente dal principio di non contraddizione: un qualsiasi enunciato non può essere vero e contemporaneamente falso.


In verità tale principio funziona perfettamente in ambito matematico (un numero pari non può essere contemporaneamente un numero dispari) ma si rivela instabile al di fuori del mondo dei numeri.


Costruendo un insieme i cui elementi siano "i giovani" o "le persone sane", ci troviamo in difficoltà perchè non siamo in grado di stabilire con certezza quali persone appartengano all'insieme e quali no.


Siamo costretti così a semplificare il problema stabilendo a priori dei limiti, così una persona è adulta allo scoccare del diciottesimo anno di età, ma non lo è dieci secondi prima. La logica fuzzy parte proprio da qui, rifiutando il principio di non contraddizione e introducendo la polivalenza degli enunciati.


Cioè la proprietà "essere giovane" di una persona diminuisce col progredire dell'età, ma si tratta di un processo dai contorni sfumati (fuzzy, in inglese), non esprimibile accuratamente con la logica classica. Fu messa a punto da Lotfi Zadeh, professore di teoria dei sistemi all'Università californiana di Berkeley, a metà degli anni Sessanta.



Potresti trovare interessante anche:
"La Teoria Delle Stringhe"