Crisi Economica: Altro Flop


DHL, popolare corriere privato con servizi di spedizioni in tutto il mondo, che dal 1969 ha dimostrato sempre grande efficienza, sembra rimasto coinvolto nella crisi economica, almeno negli States, luogo in cui l'azienda è nata.


Due giorni fa,
i vertici di DHL hanno annunciato lo stop dei servizi di spedizioni nazionali negli USA a partire dal 30 gennaio prossimo (il che significa 9.500 licenziamenti) mantenendo soltanto il servizio di spedizioni da e per l’estero.


Nessun problema per ora quindi per le spedizioni internazionali, guai in vista invece per quelle nazionali.


Di certo questa è una buona notizia per i concorrenti, ma è anche segno non irrilevante di quello che sta succedendo oltreoceano.


E, come sappiamo,
in un’economia globalizzata e con una crisi economica in corso, non si può certo fingere o sperare che la cosa non ci riguardi.



Articoli simili:
"Cosa Si Può Fare Per La Crisi E Perchè Non C'è Recessione"
"Crisi Economica: Stimola La Letteratura"
"Progresso, Globalizzazione, Povertà"
"Aspetti Positivi Della Crisi"